“What’s up with you and Jay, man? Are ya’ll okay, man?/They pray for the death of our dynasty like Amen” (Kanye West)

Loud! Agency from Koln built with the years a cartel of all things street fashion and up to date, with a young and irreverent target. This means that their independent label called Don’t believe the hype knows what to portray on their sensational prints: ironic controversial subjects where religion blends with fashion in a funny and impressive way. Wasn’t religion based motifs thrown at you in any way this season? Crosses everywhere like the return of gothic punk but don’t get it twisted, there is no movement behind this: it’s just some good old shock value, probably supported by some pop “Gagaism“. This Amen t-shirt is really funny (just like the other one that we already saw here called SuperKarl). Playing an iconoclastic game with three well known characters of pop culture such as Terry Richardson, Karl Lagerfeld and Alice Dellal, Don’t believe the hype delivers some heavy stuff here. Heavy in contents, not in weight, since the fabric is very thin and the print even if it’s accurate and very defined it’s impressed and light and it’s not a thick coat of colors. For those that don’t know what’s going down here, we have one of the most talked about top models, that is also a drummer for Thrush Metal, this all girl gospel lyrical punk band. Alice made heads turn since her shocking and rough attitude is perfect for our times and so even Karl Lagerfeld got fascinated and chose her in 2011 for Chanel Boy handbag campaign. Terry Richardson is part of the same fashion world where they all belong and he is as iconic as the other two portrayed here. The positioning of Don’t believe the hype is more natural into boutiques rather than street or skate shops. This tee part of the New Holy collection has an attractive and contemporary edge anyway that here blows up thanks to our model/photographer Rachele Daminelli. She promised that she won’t shave the side of her head, don’t worry.


Loud! Agency di Colonia ha costruito nel tempo un cartello di tutto ciò che è street fashion ed attuale con un target giovane ed irriverente. Questo significa che la loro etichetta indipendente Don’t believe the hype sa cosa interpretare sulle loro stampe sensazionali: soggetti controversi ironici dove la religione si fonde con il fashion in modo divertente e d’effetto. Del resto non ti hanno tirato dietro in qualsiasi modo motivi basati sulla religione nella stagione in corso? Croci ovunque come il ritorno del gothic punk ma non fraintendere, non c’e’ nessun movimento dietro a tutto ciò: è solo del buon vecchio shock value, supportato probabilmente da del “Gagaismo” pop. Questa t-shirt Amen è divertentissima (come del resto anche quella che avevamo già visto qui di SuperKarl). Giocando un gioco iconoclastico con tre personaggi ben noti della cultura pop quali Terry Richardson, Karl Lagerfeld e Alice Dellal, Don’t believe the hype propone roba pesante qui. Pesante nei contenuti, non nel peso, dato che la stoffa è molto sottile e la stampa anche se è accurata e molto definita è impressa e leggera e non è uno strato spesso di colore. Per coloro che non sanno cosa succeda qui, abbiamo una delle più chiacchierate top model, che è anche batterista di Thrush Metal, una gospel lyrical punk band di sole ragazze. Alice ha destato attenzione per la sua attitudine scioccante e ruvida che è perfetta per i nostri tempi e quindi pure Karl Lagerfeld ne è rimasto affascinato ed ha scelto lei per la campagna del 2011 della borsa Chanel Boy. Terry Richardson è parte dello stesso mondo fashion al quale anche loro appartengono ed è altrettanto iconico quanto gli altri due ritratti qui. Il posizionamento di Don’t Believe the hype è più naturale in una boutique, piuttosto che in uno street o skate shop. Questa t-shirt parte della New Holy collection ha una linea attraente e contemporanea comunque che qui esplode grazie alla nostra modella/fotografa Rachele Daminelli. Ha promesso comunque che non si raserà i capelli da un lato, non preoccuparti.

Add Comment